Il kajal è una polvere nera a base di antimonio che le donne orientali usano per delineare il contorno dell’occhio.



Ha proprietà disinfettanti, non sbava e resiste bene anche alle lacrime. Il kajal o kohl vero e proprio si trova sotto forma di crema compressa in un astuccio simile a quello degli ombretti. Lo applicano all’interno della palpebra con l’aiuto di un bastoncino d’avorio, di osso o di legno.Il kajal dona fascino e magnetismo allo sguardo ed è usato per truccare l’ interno dell’ occhio.
Le matite, invece, si chiamano khol e sono composte da una cera morbida che aderisce al bordo palpebrale che si utilizzano come il kajal per truccare l’ interno dell’ occhio.
Sono matite morbidissime e al giorno d’oggi capita sovente di usare i due termini come sinonimi.

Nero è un classico, bianco ingrandisce gli occhi e il marrone è particolarmente adatto a chi ha i capelli biondi. Il risultato è uno sguardo intenso, ma attenzione: l’occhio sembrerà più piccolo!

Come si usa
Tira leggermente la palpebra e con il kajal disegna una linea continua lungo i bordi superiori ed inferiori. Sfuma bene il tratto con i polpastrelli o con la spugnetta.

Kajal o khol rendono lo sguardo più attraente, affascinante e misterioso.


Se questo post ti è stato utile, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici. Inoltre non dimenticarti di votarlo con il bottone +1 di Google che trovi qui sotto, Grazie!



Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

    
loading…