Noto per le numerose proprietà benefiche che lo caratterizzano, lo zenzero è comparso nelle nostre cucine solo da poco tempo, ma si è già fatto apprezzare per le tante preparazioni in cui può essere impiegato. Considerato un vero e proprio portento nel caso in cui si abbia a che fare con il mal di gola, con la tosse, con il raffreddore e con gli altri malanni di stagione, questo ingrediente è anche in grado di placare la sensazione di nausea, di favorire la digestione dei carboidrati e delle proteine e di accelerare la guarigione da dolori ai muscoli e alle articolazioni. Ma quali sono i modi in cui lo si può impiegare in cucina?

zenzero-benefici



Qualche ricetta con lo zenzero

Una prima idea può essere quella di realizzare dei dolci biscotti allo zenzero, sfruttando il gusto pungente ma piacevole di questa spezia; soprattutto in inverno, inoltre, tale ingrediente viene apprezzato per il potere riscaldante che esercita nei confronti dell’organismo. Ecco perché è sufficiente mangiare qualche biscottino per contrastare la sensazione di freddo. Nel caso in cui si abbia voglia di un piatto più sostanzioso, invece, ci si può orientare verso un risotto allo zenzero e alla curcuma: per prepararlo, non bisogna fare altro che lessare il riso insieme con un pizzico di zenzero e mezzo cucchiaino di curcuma, per poi saltare il tutto in padella con un po’ di cipolla. Lo zenzero, inoltre, può esser adoperato anche per la preparazione di bevande: ad esempio, le tisane ottenute con un po’ di radice essiccata e grattugiata, da bere per mandare via l’influenza, abbinate con qualche cucchiaino di tè bancha o del miele di castagno.

Insomma, una grande varietà di opzioni, ma non bisogna dimenticare gli effetti collaterali dello zenzero, che – soprattutto se viene consumato in dosi eccessive – può causare la comparsa di un blocco intestinale, a maggior ragione se non viene masticato in modo adeguato. Occorre tenere conto, poi, delle possibili reazioni allergiche che possono scaturire dalla sua assunzione, che si manifestano sotto forma di eruzioni cutanee. In caso di problemi, non c’è soluzione più indicata che quella di rivolgersi al proprio medico di fiducia.


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

    
loading…