Nonostante si ripeta che per bere il caffè è sempre il momento giusto, sembra che quest’affermazione non sia del tutto veritiera. Esistono, infatti, degli studi che dimostrano che il caffè, assunto a determinanti orari, avrebbe degli effetti positivi, senza correre il rischio di assuefarsi alla caffeina. Chi, quindi, era abituato a bere caffè a qualsiasi ora del giorno dovrà rivedere le pause alla macchinetta e attendere il momento giusto per inserire le capsule compatibili Nespresso da gustare coi colleghi.

Bere-caffe



L’orario migliore per assumere la caffeina, se si vuole ottenere l’effetto eccitante che tiene svegli anche dopo una notte insonne, sarebbe tra le 9:30 e le 11:30. Il perché è stato spiegato dal ricercatore e neuroscienziato Steven Miller presso la University of Health Sciences di Bethsda, nel Maryland. Il ricercatore spiega come assumere caffè in quest’orario non solo eviti di sviluppare assuefazione alla caffeina, con conseguente dipendenza, ma sarebbe anche più stimolante aiutando ad affrontare in modo più grintoso gli impegni della giornata. Il perché sta nel fatto che, proprio durante quell’orario, il livello del cortisolo tenderebbe ad abbassarsi. Quest’ormone attiva il sistema d’allerta umano, ecco perché a una scarsa produzione corrisponde una sensazione di leggero torpore.

Se si assume caffè nell’orario compreso tra le 8:00 e le 9:00 del mattino, orario in cui il livello di cortisolo nel sangue raggiunge il suo picco massimo, e dunque si è naturalmente più svegli, si rischia di creare assuefazione e dipendenza dalla caffeina senza beneficiare degli effetti stimolanti. Meglio quindi aspettare che scatti l’ora X per degustare la tanto desiderata tazzina di caffè e avere, al contempo, degli effetti benefici che consentano di affrontare i diversi impegni con grinta o, nel peggiore dei casi, con l’attenzione sufficiente. Si consiglia comunque di non eccedere e consumare una quantità adeguata di caffè, il sovra dosaggio, al contrario di quanto si potrebbe pensare, non aiuta a stare svegli.


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

    
loading…