CNET ha riferito che il SFPD  (la Polizia di San Francisco) ha chiesto i filmati della videosorveglianza del locale Cava 22, il bar dove un dipendente Apple ha apparentemente perso un prototipo di iPhone 5. La polizia di San Francisco vuole vedere le immagini del 21 e 22 luglio come parte di una loro indagine interna.



In sostanza vuole vedere come gli agenti hanno aiutato Apple nella ricerca del prototipo. Vi ricordo che Apple, utilizzando la funzione GPS del dispositivo, ha tracciato l’iPhone 5 sino ad una casa dove vive un certo Sergio Calderon, il quale ha dichiarato di essere stato maltrattato da quelli che in un primo tempo si pensavano essere investigatori Apple fintisi poliziotti ma poi si é scoperto che unitamente agli uomini della sicurezza Apple vi erano dei veri agenti di polizia del dipartimento di polizia di San Francisco, quindi probabilmente il SFPD vuol saperne di più su come hanno agito i poliziotti.

Jose Valle, la cui famiglia possiede il bar Cava 22, ha dichiarato di dubitare che il video registrato all’interno del locale possa in qualche modo essere d’aiuto all’indagine. Infatti, all’interno del bar operano 6 telecamere che registrano immagini ogni tre minuti circa ed i dettagli delle immagini acquisite non possono essere abbastanza chiari da far distinguere bene i particolari.

Troy Dangerfield, Tenente del SFPD, ha riferito di non essere a conoscenza del fatto che gli investigatori erano andati al bar. Non avendo, Apple, presentato alcuna denuncia alla polizia, Dangerfield è sicuro del fatto che non c’è alcuna indagine penale collegata al dispositivo smarrito, affermando testuali parole:

“Affinché ci sia un crimine, hai bisogno di una vittima”

La richiesta di acquisizione, quindi, farebbe parte delle prove del fascicolo che riguarda solo gli investigatori a cui è stato affidato il caso per poi accedere all’abitazione nelle vicinanze del bar di Sergio Calderon.

Il mistero continua vi terremo informati…

Se questo articolo ti é stato utile, premi il pulsante mi piace della nostra pagina Facebook, grazie!


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

    
loading…