E’ da parecchio che si rumoreggia sull’introduzione nei dispositivi Apple della tecnologia NFC (Near Field Communication) già presente su altri dispositivi ed in grado di fornire numerose funzionalità.



Tra queste la casa di Cupertino sembra aver preso in considerazione in particolar modo un sistema di pagamento elettronico basato su NFC, che consentirebbe agli utenti di effettuare pagamenti a fini commerciali o di consumo attraverso una carta di credito o un conto bancario direttamente dal proprio dispositivo mobile.
Pare inoltre che questa funzione in via di sviluppo abbia già un nome: iPay.

Si tratterebbe infatti di una sigla già presente in alcuni brevetti depositati da Apple che descrivono un sistema di pagamento incentrato sulla connettività a corto raggio attraverso NFC.

Si consolidano le teorie di un iPhone con un chip per questa funzionalità, prospettate sin dal 2010 quando Apple assunse Benjamin Vigier, un veterano della tecnologia NFC sin dai tempi della sua adozione in Giappone.

Le indiscrezioni sull’utilizzo anche in casa Apple del sistema di pagamento integrato su dispositivo mobile tuttora non hanno fondamento ufficale ma provengono dall’analista Mark Moskowitz che si annuncia ottimista riguardo il lancio di “iPay” per la prossima generazione di dispositivi.

Apple potrebbe di sicuro beneficiare della propria posizione di vertice per implementare e commercializzare una funzione scarsamente diffusa, che integrata sul nuovo iPhone raggiungerebbe in poco tempo un numero straordinario di utenti e renderebbe l’azienda leader nel settore del pagamento elettroncio tramite dispostivio mobile.

Inoltre basterebbe un click per aggiungere al nuovo sistema  le 250 milioni di carte di credito già registrate su iTunes rendendo estremamente veloce ed efficace l’adozione di iPay.


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

    
loading…