Il corriere della Sera, per penna di Aldo Grasso, pubblica un articolo dove Apple viene paragonata ad Aiazzone, nello specifico durante le aperture dei propri Apple Store quando folle di fans e dipendenti Apple hanno atteggiamenti sopra le righe…

Corriere della sera

“Il video dell’inaugurazione dell’Apple Store di Bologna, visibile su YouTube, crea qualche turbamento: sembra l’apertura di una jeanseria, un raduno di fanatici new age, l’adunata per la presentazione di una squadra di calcio di serie B. Entusiasmo, esaltazione, riti mercantili da centro commerciale: si vedono, per esempio, gli impiegati dello Store, tutti rigorosamente in t-shirt azzurra con la mela morsicata in primo piano, saltare e gridare «Tutti all’Apple Stooore, tutti all’Apple Stooore», come se la loro immagine provenisse da vecchie tv locali, quando Guido Angeli gridava «Provare per credere!» nello spot di Aiazzone o Giorgio Mendella organizzava i raduni di «Retemia» o Virgilio Degiovanni incitava le folle di «Millionaire». Insomma, si fa fatica a capire cosa c’entri tanto fervore popolare con l’«emozione Apple» nata da uno slogan che invitava a pensare in maniera differente, «Think different», e presto diventata una sorta di religione per pochi, un culto di nicchia”.

Lasciamo a voi commentare positivamente o negativamente le parole del giornalista noi ci soffermiamo solo su una riflessione prendendo spunto dalla penna di Aldo Grasso:

Un inaugurazione giustifica una tale folla?

A questo quesito però ci prendiamo la libertà di rispondere che forse è vero, l’inaugurazione di per sé non giustifica una folla che impedisca di entrare liberamente nell’Apple Store ma forse dimentichiamo le magliettine in dono al primo migliaio di persone? Forse la folla si raduna per ottenere le fantastiche magliette! Scherzi a parte è davvero difficile comprendere come Apple possa radunare una simile folla di persone, ma sicuramente è la migliore tattica pubblicitaria messa in piedi al momento di un’apertura.

Se questo articolo ti é stato utile, premi il pulsante mi piace della nostra pagina Facebook, grazie!


Se questo post ti è stato utile, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici su Facebook o Twitter. Inoltre non dimenticarti di votarlo con il bottone +1 di Google che trovi qui sotto, Grazie!



Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

    
loading…