Siamo ormai vicini alle vacanze estive e molti indecisi sono preda di dubbi vari, soprattutto se si tratta di vacanze in famiglia. Vacanze in Italia o all’estero? Villaggio turistico e vacanza organizzata o fai da te? In villeggiatura come se fossimo a casa oppure più all’avventura? Le soluzioni sono molte e per trovarne una, magari una novità che non si ha mai avuto occasione di provare, si può prendere spunto dalle esperienze dei “travellerblogger”, cioè chi viaggia costantemente e tiene un diario online.

Un’interessante iniziativa in tal senso è #inviatospeciale di Veratour, noto operatore turistico made in Italy e leader nel settore dei villaggi turistici in tutto il mondo, in special modo per le famiglie: giunta ormai alla seconda edizione e confermata per il 2016, #inviatospeciale ha lo scopo di comunicare in tempo reale, grazie ai social network, le vacanze di fortunati selezionati turisti con foto, video, tweet e altro, quanto possa essere originale e piacevole una villeggiatura in uno dei tanti paradisi terrestri che il pianeta Terra mette a disposizione dei suoi abitanti.



Per l’edizione 2015 di #inviatospeciale, Veratour ha regalato una settimana di vacanza durante il mese di giugno a Valentina Cappio e Cristina Rampado, titolari rispettivamente dei blog The Family Company e Crinviaggio, entrambe mamme e amanti dei viaggi, che durante le loro vacanze sono piacevolmente costrette a portarsi appresso bimbi e compagni. Valentina ha soggiornato presso il Veraclub Palm Beach & Spa in Madascar, Cristina invece al Veraclub Jaz Oriental a Marsa Matrouh in Egitto, due strutture turistiche internazionali ma gestite col tipico stile italiano fatto di ospitalità, buona cucina e tante iniziative.

Entrambe hanno documentato le loro vacanze sui propri blog e nella community online di Veratour, un gruppo di oltre 180mila membri che da quattro anni a questa parte raccontano le loro esperienze e impressioni, un ottimo modo per consentire lo scambio d’informazioni di prima mano tra vacanzieri ma anche per dare modo ai tour operator di migliorare i propri servizi, le offerte di viaggi organizzati, le proprie strutture turistiche.

In comune Cristina e Valentina avevano una certa diffidenza verso i villaggi turistici ma dopo la settimana di vacanza offerta da Veratour si sono ricredute, come testimoniano in una intervista che trova conferma nei loro resoconti pubblici. Infatti Valentina ha apprezzato l’organizzazione e la possibilità di poter visitare posti lontani e non facili come il Madascar assieme ai figli piccoli, senza stress né preoccupazioni pur mantenendo “l’esoticità” del posto, Cristina invece è rimasta soddisfatta perchè, pur appoggiandosi ad una struttura per turisti, ha potuto apprezzare le tipicità del luogo come il cibo, gli usi e i costumi, ha visitato i dintorni senza problemi ed ha conosciuto gli abitanti locali.

Insomma, non è necessario partire completamente all’avventura per vivere con intensità e profondità una vacanza in un posto lontano e a noi sconosciuto, cosa che di questi tempi potrebbe anche essere pericoloso: con le giuste strutture e una buona organizzazione si possono unire comodità e avventura, come le testimonianze sui social network confermano.


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

    
loading…