La fatica è tanta, soprattutto quando si comincia. L’importante è non commettere errori e iniziare l’allenamento in modo corretto, senza strafare, scegliendo l’abbigliamento adatto e i luoghi più adeguati.



Per sentirsi bene, per stare all’aria aperta, per stare in movimento… In genere sono queste le motivazioni che spingono una persona ad andare a correre, qualunque siano le condizioni climatiche e in tutti i periodi dell’anno.

C’è pero’ anche chi è convinto che questo sport provochi traumi alle ginocchia o alla schiena, chi ha paura del troppo freddo o del troppo caldo. Ma allora, correre fa bene o fa male?

Cominciamo col dire che ci sono diversi buoni motivi per farlo. Prima di tutto, se fatto bene, aiuta a rafforzare i muscoli e le articolazioni, ritardando altresi la loro degenerazione. Poi, anche il metabolismo ne trae giovamento a vantaggio del rapporto tra massa grassa e massa magra.

Durante la corsa, aumenta la richiesta di ossigeno ai tessuti e, stimolando gli alveoli polmonari, si ottiene un miglioramento della capacità e dell’elasticità dell’apparato respiratorio.

A beneficiare della corsa è anche il cuore, che si irrobustisce mentre diminuisce il battito cardiaco a riposo. Tutto il sistema circolatorio migliora, cosi’ come il ritorno venoso. Inoltre, aiuta a contrastare anche le tipiche malattie che conseguono a un’attività sedentaria, come l’obesità, il diabete, l’ipertensione.

Certo, l’approccio a questo sport deve esere graduale, aumentando tempi e distanze  di percorso man mano che si prende confidenza con corsa e diminuisce la fatica.

In ogni caso, è bene scegliere località lontane dal traffico e terreni piani, per evitare di appoggiare male il piede a terra e procurarsi una distorsione!

E qual è l’ABBIGLIAMENTO PIU’ ADATTO?

Cominciamo dalle scarpe. Va subito detto che non sono adatte delle normali scarpe da ginnastica, ma che è necessario usare calzature tecniche specifiche per la corsa, dotate di quelle caratteristiche che impediscono di prevenire gli infortuni e di proteggere le articolazioni.

Le scarpe vanno cambiate con regolarità, in media ogni mille chilometri e, comunque, quando la tomaia si strappa o il battistrada si consuma.

Per quanto riguarda l’abbigliamento vero e proprio, chi corre dovrebbe sempre indossare tessuti naturali, soprattutto in cotone. Durante l’inverno si puo’ optare per una tuta e un giacchino che blocchino il vento e il freddo ma lascino traspirare la pelle. Esistono anche capi tecnici realizzati appositamente per questo sport.CONSIGLI UTILI

  • Ricordate che dovrebbero passare almeno quattro ore tra un pasto normale e l’inizio della corsa
  • La corsa ha bisogno di attività fisiche complementari come ad esempio lo stretching, utile sia per tonificare i muscoli, sia per allungare le fasce muscolari coinvolte.
  • La postura corretta per la corsa prevede che il tronco rimanga eretto, in linea con il piede. Sguardo avanti e muscoli del collo e delle spalle rilassati.
  • Il buonsenso consiglia di evitare di correre quando si è troppo stanchi o dopo aver passato una notte insonne. Infatti questo tipo di allenamento affatica ulteriormente l’organismo. Anche raffreddore e mal di gola sono un ostacolo per una corretta respirazione.

Va detto pero’ che, anche se la corsa è un toccasana per la salute, prima di cominciare è bene sottoporsi a un controllo medico comprensivo di elettrocardiogramma a riposo e sotto sforzo!


Se questo post ti è stato utile, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici. Inoltre non dimenticarti di votarlo con il bottone +1 di Google che trovi qui sotto, Grazie!



Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

    
loading…