Gli sbalzi di temperatura sono dannosi per la salute soprattutto quando si tratta di temperatura artificiale come quella generata dall’aria condizionata.



Su questi dispositivi c’è ancora un certo scetticismo e molte persone hanno timore ad utilizzarli, tuttavia molte teorie dicono che non è l’apparecchio in se stesso ad essere dannoso ma il modo in cui viene utilizzato.La temperatura ideale per la maggior parte delle persone è compresa tra 22 e 25 gradi anche se l’organizzazione mondiale della sanità fissa in 24 gradi la temperatura dei dispositivi ad aria condizionata, in quanto ritiene che a quella temperatura si riduce al minimo il consumo di energia e non si mette in pericolo la salute degli utenti.

Inoltre l’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte che la mancanza di ventilazione provoca la “sindrome da edificio malato” ed incoraggia un maggior uso dei condizionatori d’aria perchè è più dannosa la scarsa ventilazione che il respirare le sostanze emanate da questi dispositivi,   soprattutto quelli centralizzati.

Tra i problemi più comuni del vivere in un ambiente con l’aria condizionata ci sono l’indolenzimento muscolare, causato dall’impatto diretto dell’aria, ed alcune infezioni respiratorie ed allergie causate dalla diffusione di virus, batteri ed elementi volatili come la polvere.

Gli effetti negativi sulla salute sono in genere mal di testa, sinusite, raffreddore, tosse, stanchezza, debolezza o irritazione di occhi, pelle e naso. Inoltre le persone hanno spesso una sensazione di pesantezza dopo aver lasciato un ambiente condizionato.

La scarsa manutenzione dei condizionatori d’aria fa rimescolare gli elementi presenti nell’ambiente come i detersivi, il sudore, la polvere e le vernici e questa combinazione di particelle diventa nociva per la salute. Per evitare che questo accada è consigliabile pulire i filtri dell’apparecchio ad aria condizionata ogni due settimane lavandoli con acqua fredda o utilizzando un aspirapolvere. Non utilizzare inoltre prodotti chimici per la loro pulizia perché potrebbero essere controproducenti per la salute.

E’ anche necessario controllare il livello di umidità relativa dell’ambiente che deve essere tra il 40% e 60%, dato che sotto questo tasso si può avere intasamento alle vie respiratorie e gola secca.

Per utilizzare correttamente i dispositivi ad aria condizionata bisogna:

– tenere il termostato alla temperatura di 24 gradi o più. Temperature più basse non servono a nulla ma fanno solo male alla salute
– non esporsi sotto il getto diretto dell’aria
– controllare l’umidità relativa dell’ambiente (40% – 60%)
– se si viene dall’esterno, con temperatura molto alta, coprirsi inizialmente per evitare il brusco impatto con l’aria fredda
– dormire con una temperatura minima più alta di 24 gradi. Durante il sonno il condizionatore serve solo ad eliminare l’umidità del caldo per non sudare

Seguendo questi consigli la vostra salute sarà al sicuro.

via | bloggeria


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

    
loading…