A 57 anni Barbie diventa finalmente “umana”. Per il compleanno della bambola più celebre del mondo, la Mattel ha deciso di donarle il fisico delle donne di tutti i giorni.

Barbie diventa umana



Alta, piccola, magra, formosa, capelli lunghi, corti, 22 colori di occhi, 24 stili di capelli, in tutto 33 bambole con abiti e accessori adatti ai nuovi fisici. Una rivoluzione dettata dalla necessità di fornire una bambola più aderente alla realtà delle bambine.

Sin da subito Barbie ha rappresentato il genere di donna colta ed emancipata. I suoi ideatori l’avevano immaginata protagonista in 180 carriere diverse, da manager a hostess. Ma il suo aspetto era stereotipato e del tutto irrealistico.

Oggi, finalmente, il coraggio di ridisegnare da capo uno dei giocattoli più desiderati dalle bambine di ogni angolo del pianeta. Finisce così l’incubo di genitori e nonni che cercavano di non regalare alle nipotine una “fatalona” dall’improbabile silhouette e sicura foriera di paragoni impossibili e frustrazioni certe.

Fonte: Illustrato

«Siamo convinti di avere la responsabilità nei confronti di ragazze e genitori, di riflettere una visione più ampia della bellezza», ha spiegato Evelyn Mazzocco, vice presidente e global manager di Barbie.

Una tale ‘rivoluzione’ si è meritata addirittura la copertina del Time.

Barbie su copertina Time


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

    
loading…