Da ormai alcuni anni si parla molto dei vini biologici.  Si tratta di una produzione che in Italia è al momento limitata a percentuali molto basse rispetto alla produzione ‘tradizionale’ totale, ma che anno dopo anno sta guadagnando considerazione e attenzione anche grazie alla sempre maggiore consapevolezza dei consumatori in tema di rispetto dell’ambiente e di consumo di cibi naturali. Proviamo a dare qualche veloce informazione su questi prodotti.

La categoria si divide tra biologici e biodinamici. I primi sono legati al fatto che biologica è la conduzione della vigna, quindi questi sono vini “provenienti da agricoltura biologica”; hanno la specificità di essere stati prodotti con uve le cui piante e il terreno in cui vegetano non sono stati trattati con pesticidi, diserbanti e prodotti che non siano naturali, alla stessa stregua di tutti gli altri prodotti agricoli provenienti da agricoltura biologica. Una volta trasferita l’uva in cantina non è prevista alcuna regolamentazione circa la vinificazione. I vini biodinamici possono essere considerati come una estensione del biologico in quanto racchiudono l’idea che la vigna e la cantina facciano parte di un unico ecosistema che si sviluppa in pieno accordo con procedimenti naturali non artificiali. In particolare poi il vino biodinamico non dovrebbe prevedere pratiche di cantina, tipo l’uso di lieviti non naturali e correzioni per ottenere valori graditi del prodotto come per esempio l’acidità e il grado alcolico. Al contrario il vino si esplica naturalmente e l’enologo segue il ciclo di sviluppo senza interferire sul prodotto dall’esterno.

La produzione di vini biologici e biodinamici è molto cresciuta a livello qualitativo e sono ormai dimenticati i primi prodotti che “naturalmente” risentivano di particelle in sospensione nel liquido, odori a volte sgradevoli e sapori eccessivi. Resta da capire se il movimento diventerà così importante da riuscire a far convertire – nel tempo – tutta la produzione tradizionale in BIO, come pare avverrà in Francia nei prossimi anni…


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

    
loading…