Di anno in anno la crescita dello shopping online diventa sempre più vertiginosa, una sorta di boom la cui onda lunga non accenna a fermarsi. In particolare è lo shopping da dispositivi mobile a far segnare l’incremento maggiore, quantificabile in un +174% in confronto al 2013, stando ai dati forniti dagli analisti della società Flurry (che fa parte del gruppo Yahoo).

smartphone2

Uno dei settori che fa segnare i numeri positivi è quello dell’abbigliamento e degli accessori, con protagoniste indiscusse le donne che sono sempre più solite comprare vestiti da siti… e dal loro smartphone. Non è un caso quindi che le collezioni di abbigliamento per la primavera/estate dei grandi marchi siano già pronte ad essere acquistate da mobile sia direttamente sui siti di marchi come DIESEL, FORNARINA e LAURA BIAGIOTTI che su e-commerce multimarca come Shoppingdonna.it , uno dei principali siti italiani dedicati allo shopping al femminile.

smartphone

All’interno del sito le donne possono trovare la taglia giusta e filtrare le loro ricerche per materiale, colore, marche etc. A favorire questo settore via mobile sono in particolar modo le applicazioni, usate sempre più di frequente per compiere acquisti sul web. Nel corso del 2014 l’utilizzo delle app per lo shopping è aumentato del 76% circa, dato che certifica la nuova tendenza: si naviga sempre di più sul web con device mobili, in particolare tablet e smartphone.

Lo scorso 31 dicembre è stata una giornata da record per lo shopping online, con oltre 8,5 miliardi di sessioni (primato nell’arco di 24 ore); nel complesso, le sessioni del 2014 hanno superato quota 2 triliardi. L’utilizzo di smartphone e tablet si differenzia in base alla spesa: quella media per quanto riguarda i tablet è di 74 euro, mentre gli euro spesi in media tramite smartphone sono 44. Il device in assoluto più utilizzato per lo shopping mobile è l’iPad, con cui la spesa ammonta a 82 euro in media.

Il tradizionale computer si colloca a metà strada, superato dal tablet ma ancora davanti allo smartphone: la spesa media tramite pc è di 68 euro. La sfida dello shopping online vede prevalere da un lato Android e dall’altro Apple. Nel volume degli acquisti è davanti Android, che raggiunge quota 40% (facendo segnare un incremento del 5% rispetto al 2013), mentre nella spesa media degli utenti Apple è davanti (agli 82 euro in media spesi tramite iPad si aggiungono i 63 euro spesi attraverso iPhone).

All’interno del panorama europeo, nel 2014 è stato rilevato un incremento dei profitti delle vendite attraverso device mobili, con Germania e Benelux in testa; in questi due Paesi la crescita di profitti si è verificata in tutti i settori merceologici, mentre nell’ambito dei servizi finanziari acquistati tramite mobile a brillare in modo particolare è stata la Francia. Il dato più rilevante ha riguardato l’Est europeo: l’acquisto di prodotti Travel mediante cellulare ha fatto segnare un aumento del 700% in confronto all’anno precedente.

Ad attirare gli utenti verso l’esperienza sostanzialmente nuova dello shopping via mobile è la rapidità con la quale si accede ai servizi grazie alle app e la semplicità nei pagamenti. Questi fattori stanno spingendo a gran velocità l’evoluzione di un settore che fino a pochi anni fa faceva registrare numeri esigui. Sta maturando sempre di più la convinzione fra le aziende che nel giro di qualche anno lo scenario sarà decisamente a favore del mobile only.


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+:

    
loading…